venerdì 19 giugno 2015

Scappa! - racconto breve

La voce di Carlo non lascia dubbi, perciò Francesca non può fare a meno di voltarsi. E correre.
Non aveva mai sentito quella nota di puro, agghiacciante terrore nella voce di qualcuno. Carlo doveva aver visto qualcosa di veramente spaventoso, per gridare in quel modo.
Scappa! Continua a dire Carlo. Corri!

Quella gita nel bosco era stata una stupidata. Come aveva potuto Francesca, una ragazza di città abituata a camminare sui tacchi, protetta da un perfetto make-up e da un’elegante messa in piega, farsi trascinare in quel maledetto bosco.
Inoltre l’abilità di questo suo nuovo ragazzo come guida e il suo senso dell’orientamento si erano rivelate di scarsissimo livello.
Non aveva voluto fermarsi in quella radura per piantare la tenda, ma aveva preferito proseguire nel folto del bosco, dove il sole già scarso era del tutto sparito in meno di un'ora.
Stavano camminando quasi al buio, con la sola luce prodotta dalla torcia elettrica di questo fallimentare esploratore, quando Carlo si era girato di scatto, urlando di paura.
Francesca corre, quindi. Spronata dalle grida incontrollate di Carlo.
La perfetta pelle del viso è frustata dai rami del sottobosco. I piedi inciampano in mille radici malignamente poste dal caso davanti ai suoi piedi. Eppure corre, Francesca. Non può farne a meno, perché ormai il terrore si è fatto strada nel suo cuore, che martella nel petto come mai prima d'ora.
I polmoni cominciano a bruciare, invocando aria. La milza inizia a morderle il fianco. Sente Francesca che i muscoli delle gambe, già provati dalla camminata, stanno per irrigidirsi in crampi dolorosi.
È un secondo. Il cambiamento si produce ma lei non ha coscienza del momento esatto. Un attimo prima il fragore della fuga rimbombava nelle orecchie, l'attimo dopo non sente più nulla. Si rende conto di essere sola.
Dietro di lei Carlo non la sta incitando con la sua voce colma di orrore. Non ci sono anche i suoi passi a percuotere il falso silenzio della notte silvestre.
Francesca si trova sola.
Anche l’inutile luce elettrica della debole torcia è sparito, chissà quanto tempo prima.
I suoi piedi non stanno calpestando il sentiero. Era stata lei a sbagliare strada o a Carlo era capitato qualcosa.
Il cuore continuava a rombare nelle orecchie, mentre cerca qualche indizio del ragazzo nell'oscurità delle nere fronde.
Fa un giro con lo sguardo tutto attorno a lei, ma quello che vede è solo un terribile incombente buio.
Poi una sensazione nell’oscurità aliena del verde ormai nero.
Proprio laggiù, dove bisogna aguzzare lo sguardo.

Occhi.

___
un racconto breve di Ago

18 commenti:

  1. che scena, complimenti mi sembra di vedere Francesca in preda al panico che corre all'impazzata in bianco e nero sulla pagina di un fumetto alla DYD, sbattendo contro rami e inciampando nelle radici, sporcando i i pantaloni cadendo.
    Bravo, questa la scena che mi colpisce di più:
    È un secondo. Il cambiamento si produce ma lei non ha coscienza del momento esatto. Un attimo prima il fragore della fuga rimbombava nelle orecchie, l'attimo dopo non sente più nulla. Si rende conto di essere sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Endi, il tuo apprezzamento conta.
      Per me l'attimo in cui ci si rende conto di essere soli è davvero la parte più terrorizzante.

      Elimina
    2. I ricordi delle letture di DYD sono parte integrante della mia esperienza.

      Elimina
  2. sono passati 6 min, inquietante.

    RispondiElimina
  3. AGO hai saputo come sempre descrivere (come già del resto hai fatto in altri racconti) ottimamente emozioni come ,paura,angoscia,terrore!Carlo e Francesca che fuggono a perdifiato attraverso il bosco...inseguiti da qualcuno da qualcosa!Nella mia personale interpretazione,sicuramente un animale selvatico (magari un lupo)!Trovo geniale l'idea di terminare il racconto "cosi" lasciando l'immaginazione al lettore della probabile (brutta sicuramente) fine dei protagonisti,in particolar modo di Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuseppe delle tue parole.
      Di certo però i miei boschi non sono popolati da semplici lupi o animali selvaggi, ma da ombre e demoni e paure ignote. Come del resto i miei sogni.

      Elimina
  4. Complimenti per la descrizione del panico della protagonista che aumenta ad ogni passo e del corpo che piano piano cede. Mi è piaciuto.

    RispondiElimina
  5. GRAZIE!!!!!!!!!!!!
    E' un piacere averti con noi.

    Bellissimo vedere il tuo nome.
    Amaranta ed io te ne siamo immensamente grate.
    Come ho tempo spulcio nel blog tuo e di endi, alla ricerca di qualche frase d'effetto da mettere sulla pagina, ovviamente previo consenso e firmata col nome dell'autore.

    Io e la mia alter sorellina ti ricopriamo di baci :)

    A presto.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Ho trovato questo blog poco tempo fa ma leggendo mano a mano tutti i tuoi racconti mi sono reso conto che li sto apprezzando sempre di più! I momenti di tensione... le emozioni che trasmetti e molte altre cose che ti rendono un ottimo scrittore!
    Ti andrebbe di scrivere anche sul mio blog? Cerchiamo racconti di ogni tipo così per dare una mano agli autori come te! Se sei interessato scrivimi all'e-mail vada.via@libero.it
    Il mio blog : cignalecollulive.altervista.org

    RispondiElimina
  8. Al culmine della tensione, Ago. E' lì che mi hai portato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è lì che volevo condurti.
      Grazie Emilio

      Elimina
    2. Ed è lì che volevo condurti.
      Grazie Emilio

      Elimina
  9. In attesa che tu mi accordi la tua amicizia sulla pagina del tuo blog in fb, ti rendo noto che ho copiato 4 tuoi haiku ( MUSA, INNOCENZA, ALBA, LUNA) che non ho ancora pubblicato, non per chiederti il consenso (credo che quello io l'abbia :) ma perchè mi piacerebbe pubblicare col tuo nome che rimanda alla tua pagina, proprio in virtù del discorso della condivisione e dell'interazione, e questo lo posso fare solo dopo che tu hai accettato l'amicizia. Buona serata, AGO. A presto :)

    RispondiElimina
  10. Bello, carico di suspense.. complimenti! Scrivi davvero bene

    RispondiElimina